Pages Menu
TwitterRssFacebook
Categories Menu

3 dicembre 2016 | 0 comments

Attività fisica: ma a che serve?

Attività fisicaSe pratichi uno sport, probabilmente è perché ti diverte. Benone (se compatibile col tuo stato di salute, praticato in maniera corretta ed insegnato da un trainer competente).

E se pratichi attività fisica con vari esercizi afinalistici, es. in sala pesi, perché lo fai?

Spesso si tratta di affezionamento ad un mezzo senza la chiarezza dello scopo. E portare alla coscienza i veri motivi di quell’attività non fa granché piacere. Tipicamente, in questi casi, intervistando il praticante in merito, questi dimostra un po’ di titubanza, specialmente se vengono fatte domande specifiche:

– Perché vai in sala pesi?

– Per fare un po’ di attività fisica

– Oh, ma guarda. Pensavo che andassi lì per accarezzare il gatto tigrato del gestore. Allora diciamo così: perché vai a fare un po’ di attività fisica?

– Per farmi un po’ di muscoli

– GRAZIE. LO SO a cosa servono gli attrezzi della sala pesi. Allora dimmi, perché vuoi farti un po’ di muscoli?

– […silenzio…] Beh, per stare in forma… e anche per l’estetica [uuuh, quanto ho faticato ad ammetterlo, che lo faccio per l’estetica… e quanto sono sbigottito nel rendermene conto io stesso]

– Cosa intendi per “stare in forma” ?

– […silenzio… non lo sa] Va beh, per avere un po’ più di forza.

– Perché, fai un mestiere che richiede forza? O a cos’altro ti serve avere più forza?

Uhm… Non lo so.

– Ecco. Allora lo fai per l’estetica e basta.

…Boh, diciamo di sì.

– …Per poter piacere alle donne.

Ma no, lo faccio soprattutto per me stesso. Mi piace avere un bel fisico.

– Ah sì? Allora immagina questo: immagina di avere la possibilità di andare in palestra e farti venire dei bei gran muscoli, però per qualche motivo nessuno e nessuna se ne accorge tranne te. Continui lo stesso ad andare in palestra?

– […silenzio…] Uhm… Va beh, forse no.

– Forse o di sicuro?

Di sicuro.

– Ecco, quindi stai andando in palestra praticamente col solo scopo di piacere alle donne. Quanto pensi che influiscano un po’ di muscoli in più sulla probabilità di trovarti una fidanzata?

Quanto? Boh, non lo so.

– Non lo sai? Allora pensa alle fidanzate che hai avuto in passato. Quante di loro ti avrebbero rifiutato se non avessi avuto i muscoli da palestrato che avevi?

Uhm… nessuna. Non sarebbe cambiato nulla fra noi.

– E cosa ti fa pensare che da ora in poi sarà diverso?

– […silenzio…] Nulla.

– Quindi cosa decidi di fare d’ora in poi riguardo la palestra?

Uhm… Non lo so, ci devo pensare.

Ci deve pensare. Perché anche se ha capito che faceva quell’attività senza praticamente un obiettivo concreto, è troppo abituato a pensare che si tratta di una buona cosa.

E questo è l’esempio del… del… come possiamo chiamarlo? Sportivo? No, fare i pesi non è uno sport. Diciamo che questo è l’esempio dell’utente della sala pesi che si allena senza sapere il vero perché.

Poi si può parlare di chi fa un’attività aerobica, come la corsa o il ciclismo.

– Perché vai a correre?

Per tenermi in forma.

– Cioè?

Per la resistenza.

– A cosa ti serve la resistenza?

Beh, non so… diciamo che vado a correre perché fa bene all’apparato cardiocircolatorio. Prevengo le malattie cardiovascolari.

– Basta fare una leggera attività aerobia per 15-20 minuti al giorno per prevenire le malattie cardiovascolari; il tempo aggiuntivo non diminuisce ulteriormente il rischio. Tu perché corri 50 min – 1 ora al giorno? Fra l’altro come attività aerobia potresti, anziché correre, fare esercizi che fanno anche bene alle articolazioni, mentre correre per tutto quel tempo (specialmente sull’asfalto) alla lunga danneggia le ginocchia.

Ah. Beh, ci penserò.

Ci penserà. Vedi sopra.

Questo il mio consiglio:

se sei abituato a fare attività fisica afinalistica (es. sollevare e rimettere giù dei pesi di continuo) o comunque ripetitiva, chiediti a quale obiettivo ti serve.

E dopo che hai individuato quell’obiettivo chiediti, anche quello a cosa ti serve.

Potresti arrivare a capire che le cose che stai inseguendo (abitudine, piacere agli altri, potenziare un singolo aspetto della fisiologia) non corrispondono a ciò che vuoi veramente. Il che potrebbe suggerirti di cambiare.

Ad esempio:

Se hai una relazione di coppia stabile e arrivi a rispondere “faccio i pesi per essere più bello”, chiediti “A chi devo piacere? Siamo sicuri che alla mia donna / al mio uomo importi qualcosa se ho più muscoli, oppure preferirebbe che dedicassi più tempo a lei / lui?”

Se arrivi a rispondere “per stare più in salute”, chiediti “Quale
aspetto della mia salute ho davvero bisogno migliorare?” Per poi non semplicemente fare “un po’ di attività fisica” (quella che capita, o quella che va più di moda), ma cercare qual è l’attività che concretamente ti apporta il maggior beneficio, e in quale misura.

Se arrivi a rispondere “perché in palestra mi diverto”, allora assicurati che sia l’attività che ti fa davvero divertire più di altre (magari meno faticose e ancora più divertenti), e soprattutto che gli esercizi che fai siano non dico produttivi, ma per lo meno innoqui. E cioè suggeriti da un trainer istruito che ti valuti adeguatamente e regolarmente e che ti risparmi squilibri muscolari.

E che dire della corsa? Un’attività fisica che include solamente la corsa è meglio di nulla, ma non è certo il modo più efficace per mantenersi in forma, da nessun punto di vista. Inoltre, come si evince da una review del 2007 pubblicata nel BJSM, almeno per i maschi, correre più di 2 volte alla settimana aumenta considerevolmente il rischio di lesioni agli arti inferiori, in particolare alle ginocchia, specialmente se ci sono state lesioni precedenti.

Se vuoi andare sul sicuro nello scegliere un’attività fisica che sia adatta a te, scegline una che, salvo gravi compromissioni fisiche, è adatta a chiunque: il Movimento Arcaico. Il Movimento Arcaico consiste nel ritrovare i nostri movimenti prototipici, che abbiamo nel codice genetico e che lo stile di vita moderno ci ha fatto dimenticare. Con vari benefici:

  • dà un benessere generale fisico ed emozionale, con una grande sensazione di coerenza
  • riduce il rischio di dolori articolari
  • riporta il nostro sistema nervoso in condizione di funzionare al meglio dal punto di vista motorio
  • ci riporta, dentro di noi, a un “movimento emozionale” naturale, che agevola una spontanea scelta del miglior modo di rapportarsi agli altri e prendere decisioni importanti.

Su Movimentoarcaico.it trovi le date dei seminari estivi e delle giornate di pratica che si svolgono in varie località italiane durante l’anno. Fra i vari trainer ci sono anch’io; scrivimi a marco@psicoperformance.com se vuoi rimanere informato sulle giornate di pratica in Toscana.

Se poi ti piacciono lo sport e la competizione, leggi l’articolo in cui ti spiego perché consiglio il judo; nel caso in cui ti piacesse soprattutto la lotta a terra, potresti trovare più divertente il brazilian ju-jitsu, anch’esso altamente educativo.

E a proposito di sport e salute, da una recente review è emerso che gli sport che più allungano proteggono da malattie cardiovascolari – quindi da praticare in tarda età qualora le condizioni di salute lo consentano – sono il tennis e lo squash.

Lascia un commento Facebook:...

Post a Reply

www.psicoperformance.com - Copyright 2012 - Tutti i diritti riservati