Pages Menu
TwitterRssFacebook
Categories Menu

13 Luglio 2019 | 0 comments

Sì, saltare la colazione fa perdere peso, e non danneggia la salute

Saltare la colazione fa dimagrireSaltando la colazione in media si assume 260 calorie in meno al giorno, e si perde 400-500 grammi al mese.

E no, contrariamente a una diffusa credenza popolare, chi salta la colazione non è portato a mangiare di più a pranzo, né percepisce una maggiore fame nel pomeriggio, né presenta un rallentamento del metabolismo con minor consumo di calorie, né si sente meno energico nell’arco della giornata.

È quanto risulta da una revisione di 13 studi randomizzati controllati pubblicata nel gennaio scorso sul British Medical Journal

In tutti gli studi è stata osservato il surplus di introito energetico e l’impatto sul peso corporeo derivanti dal fare colazione. Saltare la colazione ha determinato un calo ponderale, e mai un aumento, indipendentemente dall’essere o no sovrappeso.

Leggi tutto l'articolo...

14 Agosto 2018 | 0 comments

“Smetto quando voglio (di correre)”: il solo traguardo è il piacere

Mentre stavo correndo mi è venuta voglia di registrare un video per consigliarti un approccio all’attività fisica simile a quello con cui stavo affrontando la mia fatica. Fatica che all’inizio percepivo come più fastidiosa, e che dopo circa 10 minuti tendevo ad ignorare di più.

L’approccio a cui mi riferisco è “posso smettere quando voglio”. Una frase che ricorda tabagismo o altro tipo di dipendenze, proverbialmente nella bocca di chi dovrebbe smettere di fare qualcosa che invece vuole continuare a farla in quanto piacevole o in quanto mitiga un disagio.

In questo caso invece il significato è un po’ ribaltato: puoi applicare il “posso smettere quando voglio” a un’attività che ti sta piacendo meno a causa della fatica. È un’utile frase da pensare se stai correndo e vuoi liberarti da pensieri del tipo “Ce la farò a finire il percorso che mi ero prefissato?” oppure “Devo farcela”. Oppure “Devo farcela, ma che sofferenza!”…

Leggi tutto l'articolo...

3 Dicembre 2016 | 0 comments

Attività fisica: ma a che serve?

Attività fisicaSe pratichi uno sport, probabilmente è perché ti diverte. Benone (se compatibile col tuo stato di salute, praticato in maniera corretta ed insegnato da un trainer competente).

E se pratichi attività fisica con vari esercizi afinalistici, es. in sala pesi, perché lo fai?

Spesso si tratta di affezionamento ad un mezzo senza la chiarezza dello scopo. E portare alla coscienza i veri motivi di quell’attività non fa granché piacere. Tipicamente, in questi casi, intervistando il praticante in merito, questi dimostra un po’ di titubanza, specialmente se vengono fatte domande specifiche:

– Perché vai in sala pesi?

– Per fare un po’ di attività fisica

– Oh, ma guarda. Pensavo che andassi lì per accarezzare il gatto tigrato del gestore. Allora diciamo così: perché vai a fare un po’ di attività fisica?

– Per farmi un po’ di muscoli

– GRAZIE. LO SO a cosa servono gli attrezzi della sala pesi. Allora dimmi, perché vuoi farti un po’ di muscoli?

Leggi tutto l'articolo...

2 Luglio 2016 | 0 comments

Apparenza fisica di una donna: per trovare l’anima gemella… e non solo!

Donna - aspetto esterioreIn questo articolo ti parlerò di uno studio durato 5 anni, che è stato presentato a Londra fra il 28 e il 30 giugno scorsi alla conferenza “Apparence Matters”, il più grande evento sull’apparenza fisica e sulle deformità.

Sono stati inviati dei curriculum di due donne, ognuna candidata a 200 posti di lavoro che riguardavano la contabilità o la vendita.

A metà di questi curriculum era allegata una foto che raffigurava la candidata con una scollatura piccola; all’altra metà era allegata la foto della stessa donna, con una scollatura molto più ampia…

Leggi tutto l'articolo...

11 Novembre 2014 | 0 comments

Una tecnica mentale contro il dolore acuto…

…che potrebbe servire per:

– mal di denti, compreso il fastidio durante un intervento odontoiatrico
– mal di testa
– dolori viscerali
– dolori articolari o muscolari, compresi quelli durante il trattamento di un fisioterapista senza pietà

È adatta ai dolori costanti o esacerbati da un agente esterno e non ai dolori esacerbati da movimenti attivi.

Ecco la procedura:

1) Immagina che il fastidio sia procurato dal peso di un masso che poggia sulla parte dolorante.

2) Immagina che questo masso sia legato ad una corda, che si estende verticalmente fino a una carrucola, e da lì cambia la sua direzione e va verso il basso.

Leggi tutto l'articolo...

1 Ottobre 2014 | 0 comments

Un’efficace attività anti-stress: camminare nella natura

Da questo articolo puoi trarre un consiglio su un’attività semplice, piacevole, e la cui utilità era intuibile e quindi arci-nota, anche prima che venissero condotti i relativi studi scientifici… Un consiglio che però pochissime persone mettono in pratica, in quanto probabilmente molto sottovalutato. Se non sei fra queste persone, quanto stai per leggere sia per te un promemoria.

Camminare nella natura apporta grandi benefici ed è una sana abitudine per preservare la propria salute. Infatti:

– migliora la funzione immunitaria
– abbassa la frequenza cardiaca e la pressione sanguigna
– regola il cortisolo
– diminuisce lo stress e migliora gli stati depressivi (e di conseguenza potrebbe diminure o eliminare la necessità di assumere psicofarmaci)

Leggi tutto l'articolo...
www.psicoperformance.com - Copyright 2012 - Tutti i diritti riservati