Pages Menu
TwitterRssFacebook
Categories Menu

22 dicembre 2012 | 0 comments

Scaricare l’energia con sfoghi vaghi? Meglio usarla nel concreto

Qualche settimana fa nel mio blog OPIDOS ho citato un articolo di Theselbman che parla di sfoghi genericamente specifici su Facebook. Qui ne riassumo il concetto di base ed aggiungo una riflessione e un consiglio riguardo l’aspetto psicologico.

Molte persone, per trovare uno “sfogo”, aggiornano il proprio stato su FB con un messaggio “criptato”… L’atteggiamento è un po’ lo stesso di chi lancia in mare un messaggio in una bottiglia sperando che qualcuno lo legga e arrivi in soccorso.

..O di chi sogna di vincere alla lotteria: la parte razionale sa bene che probabilmente non succederà, ma la parte emozionale spera che quel desiderio si avveri. Da notare che il desiderio è assai poco preciso: il beneficio legato alla sua realizzazione, cioè “le cose che farei se vincessi X euro” è assolutamente vago…

Leggi tutto l'articolo...

28 novembre 2012 | 0 comments

Contro lo stress: elimina le cause

Ecco la risposta alla domanda “Come combattere lo stress psicologico” o simili… Distinguiamo innanzi tutto due tipi di stress: esiste quello positivo (come quello di uno sportivo affaticato), che si chiama eustress, che non c’è motivo di mettere a tacere in quanto non costituisce un problema.
C’è poi lo stress negativo, associato ad emozioni negative come ansia, frustrazione, paura, etc, detto distress… Anche contro questo non c’è motivo di combattere. Mi accingo a spiegare il perché, puntualizzando che per semplicità di seguito userò la parola “stress” per indicare lo stress negativo, che è l’argomento di questo articolo.

I sintomi da stress sono risposte fisiche che l’organismo dà quando è richiesto. Cercare di combattere solamente lo stress senza occuparsi delle cause garantisce il ritorno di tale stress e il bisogno di correre ai ripari allo stesso modo in futuro. “Come eliminare lo stress?” è dunque una domanda superficiale e poco utile…

Leggi tutto l'articolo...

4 novembre 2012 | 0 comments

Come posso perdonare se “la ferita è ancora aperta” ?

L’incapacità di perdonare una persona è simile a una inconscia speranza di poter tornare indietro nel tempo per cambiare il passato, in modo da evitare il danno subito.

Ovvero non accettare che quella cosa sia successa. Accettare non nel senso di “ritenere che ciò sia stato giusto”. In questo caso “accettare” significa “prendere piena coscienza che ormai è andata così e non ci si può più fare niente” (è la stessa accezione in cui questa parola viene usata tipicamente quando si parla della morte di una persona cara).

Leggi tutto l'articolo...

4 agosto 2012 | 0 comments

Problemi di apprendimento? A volte trattasi di distrazione. Quindi…


Una mia cliente lamentava problemi nello studio. Ne aveva parlato come “problemi di apprendimento” e “problemi di memorizzazione”. Mi aveva raccontato che era solita leggere una pagina, o anche solo un paragrafo senza incamerare nessun dato nella propria memoria, anche a distanza di pochi secondi. Dopo una breve indagine mi sono accorto che ciò che le impediva di apprendere non era un’incapacità “fisiologica” di memorizzare. Era piuttosto distratta da altri pensieri, relativi alla possibilità di farcela oppure no a passare l’esame. E’ stato il primo importante passo avanti: riconoscere qual è il vero problema. Il secondo passo è stato decidere di non ignorare queste distrazioni (che altrimenti tendono a ritornare), ma intraprendere una sorta di breve dialogo con queste ultime; un dialogo che, una volta chiuso senza che niente sia rimasto in sospeso, non ha più ragione di riprendere. Risultato: distrazione svanita, concentrazione focalizzata sui contenuti delle pagine del libro, apprendimento possibile ed agevole.

Leggi tutto l'articolo...

16 luglio 2012 | 0 comments

Se hai bisogno subito di buon umore: sistemi super-semplici

Nel mare di tecniche o percorsi più o meno complessi o impegnativi studiati per mantenere o recuperare il buon umore è bene ricordare che esistono anche sistemi super-semplici che in molti casi hanno immediata efficacia. Ecco alcuni esempi:

– Fare attività fisica impegnativa e gradevole

– Focalizzare la tua attenzione su un’immagine gradevole (cosa, persona, animale, evento passato, evento auspicabile)

– Ascoltare e/o cantare e/o suonare una canzone che ti piace

– Relazionarti a un animale bello e tenerone accarezzandolo o giocandoci, o guardare foto di animali belli e teneroni (secondo uno studio condotto su 7000 persone pubblicato sulla rivista online Computers in Human Behaviour, guardare video di gatti teneri, oltre che dare emozioni positive, riduce quelle negative come tristezza e ansia)

Leggi tutto l'articolo...

24 giugno 2012 | 0 comments

Persone disgustose – Come reagire emotivamente

L’altro ieri ho saputo dell’esistenza di un gruppo Facebook nato per deridere i bambini disabili. Data la mia abitudine di cercare un lato positivo a qualsiasi cosa posso considerare come tale gruppo (che probabilmente da pochi giorni dopo la pubblicazione di questo articolo sarà già stato segnalato da molte persone e quindi chiuso) mi abbia portato a scrivere qui alcune idee utili su come reagire a brutte esperienze come quella mia di poche ore fa, quando ho letto certe disgustose idiozie.

Capita che dal vivo o telematicamente, in modo diretto o per sentito dire si apprenda dell’esistenza di persone dalla condotta talmente sadica, disonesta, vigliacca, etc da provocare una o più di queste reazioni:

Leggi tutto l'articolo...
www.psicoperformance.com - Copyright 2012 - Tutti i diritti riservati