Pages Menu
TwitterRssFacebook
Categories Menu

17 Aprile 2012 | 0 comments

Il desiderio di vendetta per un danno grave e irreparabile

In molti casi capire il perché di un proprio obiettivo e il perché di un proprio comportamento emozionale può portare velocemente a cambiare strada ed imboccarne una più sana. Uno di questi casi è quello del desiderio di vendetta. In questo articolo espongo cosa secondo me accade quando una persona ha un grande desiderio d punire chi le ha procurato un danno grave e irreparabile; mi riferisco a situazioni in cui, potendo scegliere una sola possibilità fra punire il comportamento del colpevole oppure veder istantaneamente riparato il danno subito, chiunque propenderebbe per quest’ultima. Non mi riferisco quindi a situazioni in cui ad esempio la voglia di vendicarsi è legata a una questione di principio.

Parlando di temperamento personale, inclinazione al perdono, vendetta, e parlando del lento sistema giudiziario italiano ho sentito molte volte dire qualcosa tipo:

“Da un punto di vista razionale mi rendo conto che in un paese civile farsi giustizia da soli è ovviamente vietato; ma se una persona lo fa, prima di giudicarlo mi metto nei suoi panni: se sapessi che qualcuno ha ammazzato volontariamente una persona a me cara, di sicuro gli farei fare la stessa fine, se ne avessi la possibilità”

Leggi tutto l'articolo...

26 Marzo 2012 | 0 comments

Tempi morti: falli fruttare! (1^ parte)

sala d'attesaEsistono alcuni facili accorgimenti per aumentare il valore di alcuni momenti della tua vita rendendoli più utili. In altre parole,

guadagnare tempo, trasformando i “tempi morti” in momenti di apprendimento / divertimento.

Molte persone hanno a disposizione Internet per un gran numero di ore al giorno. Lo si può considerare:

  • un vantaggio, perché il web è un immenso mare di informazione, e vi puoi trovare tanti articoli, audio e video interessanti e divertenti;
  • uno svantaggio se, proprio per questo motivo, cattura l’attenzione distogliendoti dai compiti più importanti.

Quest’ultimo aspetto può essere scongiurato del tutto o in parte considerato che:

Leggi tutto l'articolo...

19 Luglio 2011 | 0 comments

“Voglio cambiare vita”… Rivoluzione o fuoco di paglia?

A qualcuno ogni tanto viene voglia di CAMBIARE VITA. Di dare il via a una sorta di rivoluzione, per uno o più aspetti della propria vita, e sente quindi il bisogno di fare scelte decisive... In casi del genere una domanda intelligente da farsi è:

vero, radicale cambiamento o fuoco di paglia?

Da cosa si vede se la trasformazione in meglio di una persona è una vera trasformazione? Come ci si accorge della sua effettiva evoluzione?

Pensa alle persone che conosci e che hanno preso decisioni importanti di questo genere. Com’era possibile sapere, senza aspettare, da subito, se si trattava di un cambiamento di facciata, temporaneo, sull’onda di un’emozione destinata a non durare, oppure di un vero, radicale, efficace e duraturo cambiamento?

Leggi tutto l'articolo...

4 Marzo 2011 | 0 comments

Battaglie civili e meritato relax

Molte persone che promuovono giuste cause si trovano ogni tanto con la frustrazione di ottenere pochi risultati e tantissimi feedback di disinteresse o addirittura offensivi.

Un’idea di ciò che suggerisco a chi vuole evitare il “burn out da frustrazione comunicazionale” può esserti data da un ritaglio di messaggio che ho scritto a una mia amica quando parlavamo della non facile penetrazione nell’opinione pubblica dell’allarme sui rischi delle otturazioni dentarie fatte con amalgami al mercurio (che hanno dato a migliaia di persone patologie neurologiche, tumorali e non solo.. con l’occasione ti invito a guardare questo post dedicato all’argomento). Lo incollo di seguito con qualche aggiunta e adattamento.

“Diamo pure il massimo, ma non ci avveleniamo al posto di chi preferisce rimanere avvelenato di informazione drogata e di mercurio. Faccio quello che posso, io che di amalgami in bocca non ne ho… Se la gente mi dà ascolto bene, altrimenti: il blog dedicato a questa causa l’ho creato, il mio sito Psicoperformance lo linka, le adesioni attendono di diventare 1.200 per una manifestazione… Stando alle (molte) energie e il (molto) tempo che ho deciso di dedicare a questa causa, ho adesso facoltà di rilassarmi e star sereno. E se un giorno mi stuferò di dare perle ai porci, dirò serenamente amen e vaffanculo”

Leggi tutto l'articolo...

24 Giugno 2009 | 0 comments

AllenaMenti!

Allenare il cervelloPerché alcune persone anche molto anziane stupiscono per la loro lucidità mentre altre vanno in contro a un decadimento cognitivo molto presto?

Certamente influisce il fattore genetico. Ma non è il solo.

Numerosi studi scientifici hanno provato che per mantenere il proprio cervello in forma dal punto di vista cognitivo, ridurre il rischio / ritardare l’insorgenza di Alzheimer e altre demenze senili, è utile:

  • fare esercizio fisico
  • tenere il cervello allenato con una grande quantità di Allena..Menti.

Per l’esercizio fisico, consiglio il Movimento Arcaico.

Riguardo all’allenamento mentale, consiglio il sito

www.lumosity.com

che offre giochi per tenere il cervello attivo e ben funzionante.

Ti fa fare un test iniziale, paragona i tuoi risultati con quelli di altre persone della tua età anagrafica e ti offre, se vuoi, anche un training personalizzato (quest’ultimo a pagamento).

Aggiornamento: Secondo i risultati di uno studio pubblicato sul Journal of Clinical Psychiatry, nei pazienti bipolari un programma di allenamento di 70 ore riduce alcuni problemi caratteristici, cioè problemi di memoria e di velocità di elaborazione. Un articolo in italiano su questo studio si trova a questa pagina di Healthdesk.

Leggi tutto l'articolo...
www.psicoperformance.com - Copyright 2012 - Tutti i diritti riservati