Pages Menu
TwitterRssFacebook
Categories Menu

11 marzo 2018 | 0 comments

Piccoli consigli per un amico con sindrome depressiva

Qualche mese fa ho saputo che soffriva di una sindrome depressiva un amico che abita molto lontano da me. Volendolo aiutare, oltre a parlare con lui in vari momenti della giornata via Whatsapp, registrai alcuni video con alcuni consigli e glieli inviai.

Non avevano la pretesa di risolvere interamente il suo problema, ma contenevano qualche idea che ritengo valida. In questi giorni ho fatto un montaggio e ho deciso di mettere online questi video, nell’ultimo dei quali compare anche Bubà di Diventare Pimpanti.

Buona visione, se ti va!
(…O, se preferisci leggere, buona lettura… sotto al video)

1)

Caro amico, buon giorno. Mi è venuta in mente una domanda importante da farti: tu adesso, o tu in generale, come aiuteresti una persona depressa?

Leggi tutto l'articolo...

22 febbraio 2018 | 0 comments

Buoni propositi e programmi: giusto per il buon umore!

L’attività di scrittura di buoni propositi, tabelle di marcia, programmi con orari settimanali e giornalieri, etc, potrebbe già di per sé farti sentir bene. Che poi questi programmi non vengano rispettati è un altro discorso. Prova a scrivere spesso programmi, e vedi se questo innalza il tuo umore, unitamente al fatto che se non li seguirai non sarà nulla di grave.
Magari col tempo ti verrà spontaneo scrivere un programma realizzabile alla luce della maggiore conoscenza di te stesso, ed avrai anche questo “secondario” vantaggio.

Leggi tutto l'articolo...

9 marzo 2017 | 0 comments

Un’alternativa al perdono: Magari te lo sei meritato!

Questo articolo è per te se sei una di quelle persone che nonostante sia passato tanto tempo non riescono a digerire un torto subito. Magari hai perdonato a parole e hai messo anche un grande impegno a perdonare col cuore, ma ogni tanto senti che qualche residuo tossico ancora è rimasto dentro di te, la sensazione che tu sia ancora in credito e il colpevole di quel torto sia in debito, che la cosa sia ancora irrisolta, perché è impossibile prendere un evento ingiusto e classificarlo come giusto, o raccontarci e credere che non ha quella grande importanza, quando invece quella grande importanza ce l’ha, solo perché abbiamo deciso che ci conviene cambiare punto di vista, senza sapere in che modo cambiare punto di vista.

Magari hai provato Ho’oponopono, e non ha funzionato a sufficienza.

Magari hai fatto una o più costellazioni familiari / sistemiche , grazie a cui hai capito che la persona che credevi di dover perdonare in realtà è una persona che in generale devi smettere di giudicare se non vuoi continuare a farti del male… ma la tentazione rimane, e ogni tanto ci ricaschi…

Leggi tutto l'articolo...

3 dicembre 2016 | 0 comments

Attività fisica: ma a che serve?

Attività fisicaSe pratichi uno sport, probabilmente è perché ti diverte. Benone (se compatibile col tuo stato di salute, praticato in maniera corretta ed insegnato da un trainer competente).

E se pratichi attività fisica con vari esercizi afinalistici, es. in sala pesi, perché lo fai?

Spesso si tratta di affezionamento ad un mezzo senza la chiarezza dello scopo. E portare alla coscienza i veri motivi di quell’attività non fa granché piacere. Tipicamente, in questi casi, intervistando il praticante in merito, questi dimostra un po’ di titubanza, specialmente se vengono fatte domande specifiche:

– Perché vai in sala pesi?

– Per fare un po’ di attività fisica

– Oh, ma guarda. Pensavo che andassi lì per accarezzare il gatto tigrato del gestore. Allora diciamo così: perché vai a fare un po’ di attività fisica?

– Per farmi un po’ di muscoli

– GRAZIE. LO SO a cosa servono gli attrezzi della sala pesi. Allora dimmi, perché vuoi farti un po’ di muscoli?

Leggi tutto l'articolo...

26 ottobre 2016 | 0 comments

Il segreto della felicità dei bhutanesi: pensare spesso alla morte

Foto di kartografia

Dagli anni ’70 il Bhutan, uno piccolo Stato dell’Himalaya confinante con Tibet e con l’India con circa 800mila abitanti, considera come principio guida dello sviluppo nazionale la FIL, “ felicità interna lorda”, per la quale si classifica al primo posto in Asia e all’ottavo posto in tutto il mondo. La FIL viene calcolata in base a qualità dell’aria, salute dei cittadini, loro livello di istruzione e rapporti sociali. Non compare, fra i parametri di calcolo, l’aspetto economico (il Bhutan è uno dei Paesi più poveri dell’Asia).

Linda Leaming, autrice di un libro sulla felicità basato sul suo lungo soggiorno in Bhutan, ha spiegato che i bhutanesi, come tutti gli esseri umani, conoscono i sentimenti negativi. Ma non fuggono da essi e non cercano di censurarli. Ritengono che facciano parte della vita. Questa abitudine all’accettazione del fluire degli eventi è probabilmente una delle cause della loro maggiore felicità rispetto ad altre nazioni.

In particolare in Bhutan non è un tabù la morte.

Neanche per i bambini che, al pari degli adulti, sono esposti alla diffusa iconografia e alle danze rituali che richiamano questo tema.

Leggi tutto l'articolo...

8 settembre 2016 | 0 comments

Come smettere di portare pesi non tuoi

In questo breve articolo ti racconto un semplice esercizio che ho fatto fare a una ragazza che mi aveva detto essere abituata a farsi carico dei problemi degli altri, in particolare quelli dei suoi genitori.

Le ho suggerito di prendere al volo vari ogetti, abbastanza pesanti, che le avrei lanciato (es. palla medica), e subito dopo guardarli un attimo e quindi gettarli via in una direzione casuale; prima di iniziare ho chiarito che non sarebbe stato importante prendere al volo tutti gli oggetti: se un oggetto non lo acchiappi… pazienza.

Leggi tutto l'articolo...
www.psicoperformance.com - Copyright 2012 - Tutti i diritti riservati