Pages Menu
Facebook
Categories Menu

21 Luglio 2020 | 0 comments

Eliminare oggetti inutili: spunti per aiutarti a decidere

In passato sono stato un po’ accumulatore di oggetti. Non un accumulatore patologico, ma qualcuno potrebbe dire che mi ci sono avvicinato, vedendo che ad esempio avevo conservato, in uno di quei grandi archivi ad anelli, anche documenti a cui difficilmente a distanza di anni si può attribuire un valore affettivo. Evidentemente anni fa avevo fatto valutazioni diverse… capita. Poco male: ho posto rimedio. Qualche mese fa ho passato al vaglio un po’ di oggetti che avevo in casa con l’intenzione di eliminarli in qualche modo, e cioè regalarli, venderli o buttarli via.

A seconda del carattere di una persona questo può essere un lavoro super-facile o difficilissimo, con le varie gradazioni intermedie (ed il conflitto interiore può avere anche la variante del conflitto interpersonale se si convive con una persona dalle differenti sensibilità).

In generale, quando riordinando casa effettui una cernita degli oggetti, ci sono:

– oggetti che senza indugio decidi di tenere
– oggetti che guardi, dici “Ma come ho fatto a conservare una cosa del genere?”, e velocemente metti nel gruppo della roba in partenza
– oggetti per i quali decidi per il salvataggio o l’eliminazione dopo una riflessione di pochi secondi
– oggetti per i quali sei incerto… molto incerto… se non fai attenzione, ti metti a pensare per ore; può essere che a un certo punto smetti di pensare e li fissi, sotto ipnosi, mentre dentro la tua testa si svolge una violentissima guerra fra titani, quelli dell’eliminazione e quelli del salvataggio, che si sferrano a vicenda colpi che non vanno mai a segno, schivati da entrambi, in una silenziosa e mistica lotta.

Riordinare casa ed eliminare oggetti inutiliQuest’ultimo scenario ha luogo in particolare quando l’oggetto di sicuro nessuno vorrebbe comprarlo né accettarlo in regalo, e tu sai bene che non ti serve. Non ha neanche un valore affettivo enorme. Però un pochino sì.

Oppure è un libro con copertina cartonata. I libri con copertina cartonata, incutono rispetto e fanno sentire in colpa chi li butta via, a prescindere dalla noiosità e inutilità o obsolescenza dell’argomento trattato. Eppure si tratta semplicemente di qualche pezzetto di cartone che avvolge il libro. Però lo fa apparire più importante e prezioso, incollandolo alla tua responsabilità nei confronti della cultura.

Quando e se ti troverai in una di queste due ultime situazioni, sia in un contesto di riordino della casa, sia nel momento in cui per la prima volta ti rapporti a un oggetto con la tentazione di trasformarlo in un cimelio, potrà forse aiutarti saltare con la mente in avanti nel tempo e chiederti: quando sarò arrivato alla fine della mia vita, a chi importerà di questo oggetto? Se si trattasse di una medaglia che ho vinto in uno sport i miei posteri la conserverebbero di sicuro. Ma quest’oggetto, che ha un valore solo per me? Un valore pure piccolo e incerto anche ai miei occhi. Che valore ha davvero? In che modo migliora la mia vita se rimane nel posto dov’è stato fin ora, o anche in una scatola in garage, destinata a non essere più aperta fino alla mia morte, quando qualcuno metterà a posto e butterà via ciò che sarà solo un ingombro?

E se si è trattato di un regalo?

Mettiamo che si tratti di un regalo inutile e neanche tanto bello da vedere. Che fare? Se ha un grande valore affettivo non hai bisogno di porti questa domanda, perché sai già che vuoi assolutamente tenerlo, perché tenerlo ti fa piacere.

Se invece ha uno scarso valore affettivo, e ti è stato donato da una persona che probabilmente neanche si ricorda di avertelo donato (specialmente se più del regalo si ricorda la noia per scervellarsi e capire cosa acquistare in occasione del Natale e del tuo compleanno)… allora non rappresenterà alcuna mancanza di rispetto o di tatto vendere, ri-regalare o buttare via quell’oggetto.

Quindi, quando valuti il significato affettivo di un oggetto, nel dubbio eliminalo. È sicuramente la cosa giusta da fare. Te lo conferma la sensazione di liberazione che hai subito dopo. Ricorda:

ogni oggetto che tieni per ricordo senza esserci davvero affezionato darà un’inutile dilemma ai tuoi posteri quando sarà il momento di scegliere cosa farne.

Elimina, coraggio.

Post a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

www.psicoperformance.com - Copyright 2012 - Tutti i diritti riservati