Pages Menu
TwitterRssFacebook
Categories Menu

21 Ottobre 2011 | 1 comment

Un esercizio di meditazione e rilassamento

Perché fare relax e meditazione? Alcuni minuti di meditazione una o ancora meglio due volte al giorno (tipicamente al mattino e la sera) possono apportare miglioramenti in moltissmi aspetti riguardanti l’efficienza fisica ed intellettuale, la salute fisica ed emotiva; in poche parole, per ogni processo fisico e mentale, tutto ciò che può andar meglio lo farà.

Come meditare, e come rilassarsi?

Ci sono tanti modi. Io ti propongo l’ascolto della traccia audio che ho creato che comprende pochi minuti di esercizio fisico seguito dal rilassamento mentale e poi da una procedura di integrazione emozionale e di dialogo col sistema in cui vivi. Clicca sul seguente link per scaricarlo:

—> ..Esercizio guidato di rilassamento e meditazione in Mp3 <—

(più sotto riporto la versione testuale)

Si tratta di un esercizio un po’ in controdendenza riguardo a ciò che affermano molti insegnanti sostenitori di questa tesi:

Durante la meditazione bisogna di rivolgere i propri pensieri solo a immagini e condizioni positive e propizie al 100% affinché l’inconscio tenda a farci raggiungere lo status desiderato; quelle che portano un qualche squilibrio o disagio nella vita non vanno neanche nominate, perché concentrarsi su un problema significa alimentare la sua permanenza

Questa tesi è sbagliata. Non è detto che pensare a un problema, anche durante la meditazione, non sia producente. Sia durante la meditazione, sia quando siamo completamente svegli, dipende dal modo in cui il problema viene approcciato…

Va benissimo, durante la meditazione, richiamare alla mente un problema se lo si considera un’occasione di miglioramento, e se lo si accetta come mezzo che l’Universo ha scelto per farci imparare qualcosa a breve oppure a lungo termine.

Ed è ciò che ti propongo qui: un esercizio non per estranearti dalla vita di tutti i giorni, ma per sentirla più tua; non per dimenticare i problemi, ma per riconoscerli come canale di miglioramento; non per “vincere contro di loro”, ma per integrarli.

Il posto ideale per meditare è all’aperto, in un confortevole luogo della natura; le condizioni ideali sono massima comodità, silenzio oppure rilassanti suoni di acqua, piante e animali, e nessun disturbatore.

Esistono molti tipi di meditazione. Ecco la sequenza che io consiglio…

  • Stando in piedi, mobilizza le articolazioni principali fino agli estremi gradi di escursione eseguendo più volte i movimenti che ti suggerisco di seguito:
    • Esegui la circonduzione delle spalle tenendo giù le braccia, poi ruotando le braccia;
    • con le dita delle mani incrociate fai la circonduzione dei polsi nei due sensi;
    • muovi insieme collo e tronco in flesso-estensione, inclinazione laterale e rotazione;
    • senza flettere le anche inarca e “ingobbisci” tutta la schiena, poi inarcala in estensione
    • muovi il bacino in antero-retroversione e circonduzione con ginocchia leggermente flesse;
    • muovi le caviglie in flesso-estensione e circonduzione nei due sensi.
  • Scegli una posizione comoda nella quale tu ti possa rilassare completamente, ricordando che durante l’esercizio puoi assumere quando vuoi altre posizioni, e che qualunque posizione tu assumerai dovrà consentirti il massimo relax.
  • Rilassa la bocca e la gola; affinché nessunissima tensione muscolare, neanche la più piccoa, sia necessaria a un fluido ingresso di aria nella trachea; posiziona adeguatamente la testa… così il flusso di aria sarà abbondante e lo percepirai come “passivo”.
  • Rilassa i muscoli attorno agli occhi, e lascia che gli occhi si chiudano eventualmente in maniera spontanea (non attivamente, ma a causa del rilassamento).
  • Conta da 10 a zero, rilassandoti di più a ogni numero… ad ogni numero immagina di avvicinarti sempre più alla parte più profonda e vera di te… sapendo che a zero contatterai il tuo io, la Natura e l’Universo, intesi come entità che percepisci come tue creatrici e fonti di energia.
  • A zero, entra in contatto con la Natura e con l’Universo, pronunciando le frasi che ti stuggerisco di seguito oppure frasi di significato analogo, ed agisci coerentemente ad esse:
    • Mi connetto alla terra… Mi connetto al cielo… Mi connetto alla Natura, e io e la Natura siamo insieme, e siamo una cosa sola
    • Io mi apro all’Universo e alla sua fonte di energia che mi ha generato e dà energia alla mia vita
    • Tu, Natura, mia creatrice e maestra… Sai in ogni momento di cosa ho bisogno per il prossimo passo nell’evoluzione di me, per scegliere bene la strada per essere sempre di più tutt’uno con te.
  • Assumi un atteggiamento di ricettività senza aspettative, sapendo che non devi impegnarti a “catturare” i messaggi che ti arrivano, né impegnarti ad interpretarli, perché sono essi stessi che, con un’energia propria, entrano in te e nella tua mente e si palesano con un significato già chiaro
  • Accetta i tuoi problemi come messaggi positivi dicendo: Ogni mio problema del fisico, della mente e delle emozioni è un segnale che mi dice che mi sono allontanato dalla migliore via per la mia evoluzione, ed è un invito tornare all’atteggiamento nei confronti della vita che è giusto per me.
  • Poniti in ascolto del significato di ciascun problema-messaggio: per uno o più minuti, concentrati sul più importante problema che ritieni di avere, sia esso fisico, mentale o emozionale; cosciente che si tratta di un messaggio per il tuo miglioramento, preparati a capirlo; a capire in che modo devi cambiare atteggiamento nella tua vita di ogni giorno; sia che tu percepisca l’arrivo di un messaggio chiaro più, sia che tu senta un’ispirazione più o meno vaga, sia che tu non percepisca niente di particolare, ricorda che un’utile consapevolezza per te arriverà quando
    • hai una sufficiente disponibilità a riceverla
    • sei in grado di capire.

    Se vuoi, concentrati sul secondo problema in ordine di importanza e procedi come per il primo; poi fai lo stesso per il terzo, il quarto e così via per tutti quanti.

  • Sentiti in contatto ed unito con l’intero Creato in cui sei immerso e dì all’Universo: Sempre, ogni volta che mi connetto con te, sempre di più tutt’uno con te io divento, anche durante il mio vivere di tutti i giorni.  Grazie di avermi creato e di accompagnarmi in ogni momento. Ascolto i buoni messaggi che mandi ad ogni livello di me, e sempre di più mi apro a capirli, per la mia crescita ed evoluzione.
  • Conta da 1 a 10 svegliandoti di più ad ogni numero, ad ogni numero immaginando di avere più energia, salute, vitalità, capacità di relazionarti al meglio col mondo.
  • A 10, fai un respiro profondo, stiracchiati e sbadiglia.

Lascia un commento Facebook:...

Post a Reply

www.psicoperformance.com - Copyright 2012 - Tutti i diritti riservati