Pages Menu
Facebook
Categories Menu

12 Luglio 2020 | 2 comments

Gas esilarante: uso antidepressivo e ricreativo

Il monossido di diazoto, o protossido di azoto (N2O), è un gas usato per fare la panna spray, ma anche a scopo ricreativo; per i suoi effetti ridarelli è detto anche gas esilarante (trovi su Youtube vari video in cui ragazzi lo inalano e subito dopo ridono a crepapelle).

Nel 2013 secondo il giornale universitario The Tab il gas esilarante era la terza droga più usata dopo cannabis e Ecstasy.

Recentemente si è iniziato a studiare la sua utilità in ambito sanitario; in questo studio effettuato nel 2014 presso la Washington University School of Medicine di St. Louis, risultò avere un’efficacia a breve termine nel miglioramento della sintomatologia più del placebo nei pazienti con depressione maggiore:

Attualmente è in corso il reclutamento di persone affette da depressione maggiore per una sperimentazione presso l’Alfred Hospital di Melbourne. Questa è la pagina di reclutamento. Quando lo studio sarà pubblicato e mi capiterà sotto mano, lo linkerò.

Nel frattempo, se sei depresso e vuoi sperimentare gli eventuali effetti benefici del gas esilarante, o semplicemente vuoi sperimentarli per tua curiosità e voglia di divertirti, è buona cosa farlo o no?

Non lo è se soffri di pressione bassa, epilessia, otite, se hai una frattura costale,  se hai avuto un incidente subacqueo o se ti trovi in Inghilterra o in California, dove il monossido di diazoto per uso ricreativo di fatto non è punito ma secondo la legge è vietato (quindi inalarlo per diletto farebbe di te una persona non perbene).

In caso contrario hai libertà di scelta. Se decidi di farlo, usa tutte le precauzioni che sto per suggerirti per minimizzare i rischi per la tua salute e per evitare ciò che accadde a molti giovani dei Paesi Bassi che nell’aprile 2019, in occasione del Koningsdag, la festa del re, finirono in ospedale.

Ecco 8 cose da ricordare se vuoi drogarti col gas esilarante:

1) Utilizza solo il gas che viene venduto per uso alimentare, per assicurarti che sia gas puro, e la cui bomboletta non lasci scappare altre sostanze gassose o solide.

2) Non inalare il gas direttamente dalla bombola. Cioè ad esempio non mettete la bocca sul tubetto della panna spray orientato verticalmente. Inalando una concentrazione eccessiva di gas esilarante rischi di arrecare un danno da congelamento alle vie aeree. Inoltre se inali da una bombola ti è difficile gestire la velocità di erogazione, e si rischi l’overdose con perdita di conoscenza.  Piuttosto usa un palloncino. Gonfialo immettendovi il gas dalla bombola. Poi dal palloncino inalate il gas, poi espiralo dentro al palloncino, poi respira di nuovo l’aria contenuta nel palloncino e così via per 5 volte. Poi trattieni il respiro per qualche secondo, poi ridi.

3) Non dimenticare che il gas esilarante non deve sostituirsi completamente all’ossigeno, che ti è indispensabile. Quindi non andare oltre le 5 inspirazioni/espirazioni di seguito.

4) Può succedere che tu percepisca stordimento, mal di testa, nausea, voglia di vomitare. E può darsi che tu vomiti, proprio. In tal caso, non spaventarti. Passerà presto (a patto che tu smetta subito con questo giochino).

5) Non esagerare. Il gas esilarante dà vasodilatazione e calo della pressione, quindi se esageri potresti svenire.

6) Per evitare di farti male nel caso di caduta, se ti senti svenire non cercare di resistere per rimanere in piedi: siediti, o distenditi (o mettiti a 4 zampe).

7) Non mischiare questo divertimento con l’assunzione di altre sostanze stupefacenti. In particolare Danno.ch, sito svizzero informativo sulle droghe, raccomanda di evitare di inalare gas esilarante in concomitanza con ketamina, alcol, Viagra.

8) Fai questa esperienza saltuariamente. L’inalazione cronica di gas esilarante provoca deficit di vitamina B12, con conseguenti danni neurologici. Inoltre si rischia una dipendenza psicologica, come per tutte le droghe.

2 Comments

  1. ma c’è bisogna di dare queste informazioni, non bastano le sostanze che i nostri figli già usano?

    • Sì, bastano le sostanze che i vostri figli già usano. Il che c’entra poco con l’opportunità di dare o no queste informazioni. Darle è opportuna, perché più informazioni si hanno, più sono consapevoli le scelte che si fanno. Se non la pensi così ti invito a essere chiaro e a dire quali sono esattamente le info che invece secondo te non avremmo dovuto dare e quali sono i danni che potranno derivare dalle nostre rivelazioni.

Post a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

www.psicoperformance.com - Copyright 2012 - Tutti i diritti riservati