Pages Menu
TwitterRssFacebook
Categories Menu

E se il tuo cervello non accetta la verità?

13 Aprile 2018 | 0 commenti

Se l'oggettività dice una cosa, e il tuo cervello dice il contrario...Cosa succede quando si ha un’illusione ottica, ad esempio quando si guarda questa immagine, in cui le fasce azzurre sembrano oblique e di diversa inclinazione, ma sono in realtà orizzontali e parallele fra loro? Comincia una sorta di battaglia fra la nostra parte razionale e quella parte del nostro cervello che continua a illudersi dell’apparenza. Dopo aver eseguito una verifica con una misurazione cerchiamo di guardare quelle fasce e percepirle come orizzontali, ma il cervello continua a dire la sua: ha comunque l’impressione che non sia così.

Nelle situazioni in cui il cervello fatica pesantemente ad allinearsi con la realtà, l’esperienza che si vive può essere una sorta di frustrazione divertente, se si tratta di un gioco di prestigio, di un’illusione ottica, di un indovinello matematico o simili. La cosa non è invece così divertente in altri tipi di situazioni…

Leggi tutto l'articolo...

“Vissuti”, sito di esperienze difficili superate

5 Aprile 2018 | 0 commenti

Quando si è superata una brutta esperienza, raccontarla agli altri (si tratti di persone conosciute oppure al grande pubblico, anonimamente oppure mostrandosi, a seconda della propria indole) può rappresentare un momento di benessere e soddisfazione. Fa piacere anche la consapevolezza che il proprio racconto potrà incoraggiare un qualche lettore o ascoltatore che una disavventura simile sta ancora vivendo.

Vissuti” è un sito che raccoglie testimonianze di eventi drammatici che sono stati superati o accettati. Ad esempio fatti di lutto, malattie o menomazioni, problemi di identità sessuale, dipendenze, bullismo o altre vessazioni.

Leggi tutto l'articolo...

Piccoli consigli per un amico con sindrome depressiva

11 Marzo 2018 | 0 commenti

Qualche mese fa ho saputo che soffriva di una sindrome depressiva un amico che abita molto lontano da me. Volendolo aiutare, oltre a parlare con lui in vari momenti della giornata via Whatsapp, registrai alcuni video con alcuni consigli e glieli inviai.

Non avevano la pretesa di risolvere interamente il suo problema, ma contenevano qualche idea che ritengo valida. In questi giorni ho fatto un montaggio e ho deciso di mettere online questi video, nell’ultimo dei quali compare anche Bubà di Diventare Pimpanti.

Buona visione, se ti va!
(…O, se preferisci leggere, buona lettura… sotto al video)

1)

Caro amico, buon giorno. Mi è venuta in mente una domanda importante da farti: tu adesso, o tu in generale, come aiuteresti una persona depressa?

Leggi tutto l'articolo...

Buoni propositi e programmi: giusto per il buon umore!

22 Febbraio 2018 | 0 commenti

Già: questo è un articolo che non ha lo scopo di farti realizzare i tuoi obiettivi, se non quello di sentire una maggiore serenità.

Ho notato che fare e scrivere buoni propositi, tabelle di marcia, programmi di attività con orari settimanali e giornalieri, etc, mi fa sentire bene. Il fatto che poi questi programmi non vengano rispettati è un altro discorso.

È così anche per te?

Prova a fare e scrivere spesso programmi, e fammi sapere se innalza il tuo umore e riduce l’eventuale ansia.

Magari col tempo ti verrà spontaneo scrivere un programma realizzabile alla luce della maggiore conoscenza di te stesso, ed avrai anche questo “secondario” vantaggio.

Leggi tutto l'articolo...

Meditazione – Se i pensieri ti distraggono, prova a scrivere

11 Febbraio 2018 | 0 commenti

Cosa succede spesso prima della meditazione? (mi viene in mente “pre-meditazione”… sembra di parlare di omicidi :))

La mente si mette a girovagare e ti suggerisce una serie di pensieri che ti distraggono. Ed ecco cosa ti suggerisco di fare: qualcosa di simile al prendere appunti.

Qualcosa di simile, certo. Non si tratta di prendere appunti con lo scopo di rileggere per fissare nella tua testa quello che scrivi. Anzi, lo scopo è l’opposto: liberarti da quei pensieri, quelle parole, quelle immagini, quei ricordi che arrivano quando meno ti servono, e cioè quando decidi di chiudere gli occhi, fare un respiro profondo e rilassarti…

Leggi tutto l'articolo...

Discussioni – Modalità argomentativa o narrativa?

4 Febbraio 2018 | 0 commenti

Per migliorare la qualità delle tue eventuali discussioni con una persona a cui vuoi bene (marito, moglie, fidanzato, fidanzata, familiari, etc) è buona cosa che tu distingua e faccia distinguere due tipi di comunicazione durante una discussione: argomentativa o narrativa.

La comunicazione di tipo argomentativo si ha quando cerco di convincerti che è giusto fare qualcosa o che è stato giusto fare ciò che ho fatto. Oppure che sia vero qualcosa o che sia falso qualcos’altro. Tento di persuaderti.

Con la comunicazione di tipo narrativo invece io ti spiego come mi sento. E lo faccio con lo scopo di sentirmi capito. Confondere questo scopo col precedente e quindi pensare “Lui vuole convincermi a fare qualcosa / vuole convincermi che sia giusto qualcosa / che io abbia sbagliato a fare qualcosa” può minare spiacevolmente l’armonia fra le due persone.

È infatti inutilmente irritante credere che l’altro voglia convincerci a fare qualcosa quando sta semplicemente descrivendo ciò che sta accadendo dentro di sé. Queste incomprensioni sortiscono risposte del tipo “E allora io?” “E allora tu?” “E allora, che c’è? Stai dicendo che dovremmo fare questa cosa assurda?”

Questo dunque ti consiglio:

1) Quando comunichi, assicurati che l’interlocutore capisca il tuo scopo

2) Quando l’altra persona comunica assicurati di aver capito il suo scopo (magari dopo aver chiesto)

A volte le parole sono utili non dal punto di vista pratico, ma dal punto di vista emozionale. E in una conversazione, specialmente fra persone che si vogliono bene, c’è spesso una grande necessità di sfogarsi; in questo rientra ad esempio la necessità di far capire il motivo per cui abbiamo fatto una cosa non giusta ma comprensibile (dunque non vogliamo essere giustificati, ma compresi).

Se seguirai i suddetti consigli e inviterai il tuo interlocutore a fare altrettanto, il vostro rapporto di coppia, o la tua relazione col tuo amico o parente, potrebbe migliorare di molto.

Leggi tutto l'articolo...
www.psicoperformance.com - Copyright 2012 - Tutti i diritti riservati