Pages Menu
TwitterRssFacebook
Categories Menu

4 maggio 2016 | 0 comments

Il ritmo irregolare dell’evoluzione personale

Crescita personale - come un'altalenaPer discipline specifiche in cui ci si allena o si studia con continuità, il miglioramento ha un andamento abbastanza lineare: se stai studiando matematica o storia, o stai imparando a suonare uno strumento musicale o a fare esercizi di ginnastica artistica, di solito più ti applichi, più aumenta la tua bravura.

Il miglioramento è invece spesso meno lineare e ha un andamento meno intuitivo nei principali campi dell’evoluzione personale:

– la gestione delle nostre relazioni
– la gestione delle nostre emozioni
– la conoscenza dei veri e importanti obiettivi della nostra vita

Contrariamente a quello che molti pensano, il più delle volte l’evoluzione personale non è fatta di “trasformazioni lampo”. Neanche quando leggi un libro che trovi geniale. Neanche quando incontri un insegnante che lì per lì sembra averti cambiato la vita. Neanche quando forzi te stesso a cambiare perché ti sei stufato di qualcosa.

E a proposito di cambiamenti radicali: è bello e giusto “voltare pagina”, mentre è impossibile “strappare le pagine precedenti”.

La crescita interiore non ha un senso solo, e inoltre si muove in più dimensioni, un po’ come un’altalena che oscilla in avanti e indietro e si può muovere anche lateralmente, poiché i suoi bracci non sono rigide barre di metallo, ma corde con una possibilità di movimento molto più varia. Dunque, qualunque sia lo stadio di evoluzione in cui ti trovi, i molteplici aspetti che lo caratterizzano non permetterebbero di descriverlo in modo esaustivo con un semplice numero (ad es. su una scala da 0 a 10) o con un semplcie nome.

Le fasi in cui torni indietro possono essere momenti in cui il tuo cervello si è provvisoriamente scordato degli ultimi progressi, oppure momenti in cui ti confronti col tuo passato e ti rendi conto che tu eri anche quello; forse serve a farci pace anziché semplicemente fuggire. La buona cosa è che non si tratta di tornare come eri prima perdendo tutto ciò che avevi conquistato. Sei tornato indietro sapendo che il prossimo balzo in avanti sarà più agevole del precedente… come accade per lo studio di una materia scolastica: passiamo l’esame, poi un po’ di tempo dopo ci scordiamo quello che abbiamo imparato, magari completamente o quasi, ma sappiamo che se riprendiamo in mano il libro per ri-impararlo sarà necessaria molta meno fatica rispetto a quando era un argomento nuovo.

Evoluzione personale - Orbita della LunaQuest’irregolarità e variabilità del ritmo dell’evoluzione personale, che va avanti e indietro magari senza che ce ne accorgiamo, distratti dai nostri passi laterali, che mischiati agli altri danno un percorso curvo, con la sola consapevolezza che alla lunga il bilancio della strada percorsa è positivo, ricorda anche l’orbita della Luna: poiché ruota attorno alla Terra, rispetto ad essa ogni 27 giorni circa si trova nello stesso punto… che in assoluto lo stesso punto non è, avendo anche seguito la rivoluzione della Terra stessa, che nello stesso periodo ha percorso 70 milioni di chilometri.

E quindi? Qual è il consiglio che ti do una volta presa coscienza dell’imprevedibile ritmo dell’evoluzione personale?

Non cercare e non aspettarti da te stesso, né dagli altri, miracolosi e definitivi cambiamenti-lampo;

dai a te stesso e agli altri tutto il tempo di cui c’è bisogno per fare la propria strada.

Lascia un commento Facebook:...

Post a Reply

www.psicoperformance.com - Copyright 2012 - Tutti i diritti riservati